"한국에 왔다 갔다 하는 이태리사람이다"

"한국에 왔다 갔다 하는 이태리사람이다"
한국에 왔다 갔다 하는 이태리사람이다 Un'italiana che dalla Corea del sud va e viene.

Vi aspetto su Facebook!

Dreaming of W. YouTube

martedì 30 giugno 2015

마법 걸린 날 "Il giorno in cui viene la magia" in Corea del sud (#sfogo time)

NON è UN POST PER UOMINI! 








Sì, non sarà un argomento che i maschietti ameranno, ma OSTIA! Sfortuna vuole che non sia nata con un pene ma con una vagina e che automaticamente, in orario o meno, mi vengano le mie cose
Tappatevi gli occhi maschietti, se mi leggete, perché seguirà una marea di altri nomignoli con cui noi munite di tette come si deve, chiamiamo il nemico definito scientificamente con il nome di mestruazione









Sì, come da titolo 
마법 걸린 날  
*mabeob kollin nal
"Il giorno in cui viene la magia" 
o, per meglio dire, ci "becchiamo" la magia!
Non so se lo sapete, lo avevo già scritto nel post lungo quanto la muraglia cinese 
(ma interessante e divertente) 
in Corea molti chiamano le mestruo "magia/incanto/occulto" (마법)



Dicevamo, come molte di voi, anche io convivo ogni santo mese con il marchese rosso, che mi fa soffrire non poco. Come se non bastassero tutti i sintomi mestruali, ci si mettono anche le ajumma coreane a ricordarmi che sono nel giorno più scomodo e irritante per una donna.
Perché?
Ora ve lo spiego! 

Se per qualcuno di voi è imbarazzante comprare degli assorbenti al supermercato, lo diventerà ancora di più in Corea del sud. O almeno se avrete un'esperienza analoga alla mia.
Mi è capitato infatti, più di qualche volta, di andare al Daiso (dove gli assorbenti costano in teoria meno, poi dipende) o in un market a fare spesuccia pro ciclo
Arrivo alla cassa con fare noncurante, per me sono cose mensilmente naturali dopotutto, non ho comprato un pannolone assorbente da notte e nemmeno un sextoy, manco dei preservativi voglio dire! Stiamo parlando degli assorbenti gente! Una delle cose che in Corea, come in Italia è costosissima, quando invece dovrebbero venderla a pochi centesimi vista la vitale importanza della faccenda. 
Eppure ... c'è chi lo vede ancora come una cosa sporca (va beh, capitene il senso sù), vergognosa (che sono una ladra?), da nascondere agli occhi altrui (per modo di dire). 


La commessa prende le mie cose, tra cui il pacco Rines (non ricordo il nome della marca, ma visto che l/r qui è similare, da Lines, chiamiamoli Rines, coreanizziamoli và!), li fa passare alla cassa per il prezzo e poi? Mentre io metto in busta tutto, lei impacchetta i miei assorbenti con della carta di giornale, mi sorride come una nonnina che ha appena scoperto la nipote undicenne nascondere le mutandine rosse di quel che di rosso c'è, sogghignando compiaciuta dell'arrivo del mar rosso, simbolo di fertilità e di cambiamento del corpo femminile. 
Insomma qui l'impacchettano come se dovessero nascondere il "misfatto". 
"Ah! Sei una donna allora! Ce le hai quindi puoi rimanere incinta! Cagna!


No, va beh, non è proprio così la questione, sembrava voler fare più un favore a me che altro.
Ma io che ho fatto di male? Sono nata donna e per la grazia divina non sono ancora andata in menopausa (beh da li in poi niente assorbenti certo, ma gli salvaslip?), per disgrazia divina invece dovrò soffrire le pene dell'inferno e gli sbalzi umorali (pure chi mi sta accanto, ne sono consapevole) ancora per molto, si spera, almeno finché non avrò messo al mondo almeno uno e dico un pargolo. 

Quindi tolga quella carta che non mi vergogno, è la natura!



Non lo so, io la vedo forse in modo troppo critico, ma è come se avessero evidenziato lo "sporco" della faccenda. Quel nascondere all'altrui persona che si è ormai "signorina" (beh, voglio ben vedere a 29anni suonati), appunto come mi chiamò la nonna quella volta che mi scoprì in bagno con crampi alla pancia assurdi causa arrivo di Anna dai capelli rossi


Non tutti però sono così "pudici"(vogliamo chiamarla così?) e se ne fregano se stai comprando un pacco da 70 cm di arnesi o da 2 cm che proclama al mondo la venuta delle tue amichette. Non si scandalizzano, per cui non te li incartano nemmeno.
L'ultima volta nel market di fronte casa, comprai un pacchetto in offerta e non mi diedero nemmeno un sacchetto per conferirmi una certa privacy, CHE VERGOGNA! (ironia eh, se no cos'ho parlato a fare fino ad ora?)
Così io feci il percorso di strada fino alla mia dimora sfoggiandoli in mezzo al mercato di quartiere, dimostrando che non me ne frega assolutamente nulla.


Che qualche halmeoni abbia urlato allo scandalo? 
"Quella wegugin (외국인 straniera) vergognosa









PS: il post è fatto anche per riderci su della cosa, non prendetemi per pazza. 
                                                               Anche se dovessi esserlo veramente ... voi fate finta di niente.

Nessun commento:

Posta un commento

어서오세요 Eoseooseyo! Benvenuti, entrate pure nel mio blog!
Ognuno è libero di commentare, sempre nel rispetto però dell'altrui persona.
Grazie a chiunque decidesse di seguirmi e arricchire il mio blog con i propri pensieri, che per me sono sempre preziosi.
감사합니다! Kamsahabnida!